Only Lyon - Tourism and Conventions

André Manoukian © Gaetan Haugeard
© Gaetan Haugeard

André Manoukian, innamorato di Lione

Originario del quartiere della Croix-Rousse, André Manoukian ci svela le sue passioni lionesi.

Qual è il quartiere di Lione che preferisce?

Adoro la Lione Vecchia , con tutti quei bei palazzi colorati che si vedono dalla riva della Saona. Fra tutte le città francesi, Lione è la più italiana, e la Lione vecchia è uno dei più bei quartieri d'Europa.

Mi piace anche molto la Croix-Rousse , il quartiere dove sono nato! Le «traboules» , i passaggi che collegano le strade passando all'interno dei palazzi dalla tipica architettura «canut» con i loro alti soffiti, sono assolutamente da scoprire.

 

Secondo lei esiste una cultura lionese?

Sì, è la cucina! È una vera religione... Bisogna davvero assaggiare le specialità dei bouchon (trattorie tipiche di Lione), gli affettati, e soprattutto l'imperdibile «tablier de sapeur», da assaporare almeno una volta nella vita! A Lione ci sono anche grandi chef , e l'alta cucina si fa popolare nei numerosi bistrot.

Cosa può dirci dell'evoluzione della città?

Negli ultimi venti anni, Lione si è aperta al mondo! Lione è molto attraente perché unisce tutti i vantaggi di una capitale alla vicinanza alla campagna. Inoltre la sua situazione geografica è eccezionale: a 2 ore e mezzo dalle calanche di Marsiglia, e a due ore dalle più belle montagne del mondo. I Lionesi sono davvero fortunati: possono andare e venire da Chamonix in una giornata!

Le foto del video sono di: Tristan Deschamps, Jacques Léone, Marie Perrin, Brice Robert.

Lascia un commento

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

Prenotazione

Powered by Logo pilgo

Dans cet article

Visite guidate Imperdibili o insoliti, non lasciatevi sfuggire i luoghi più belli di Lione!