Only Lyon - Tourism and Conventions

Damien Pousset
© Claire Morel

Musica contemporanea: una nota di bizzaria e di fantasia

Damien Pousset, delegato artistico della biennale «Musiques en Scène»

Dal 5 al 29 marzo 2014, la biennale «Musiques en Scène» (Musiche in scena) vi invita a scoprire la musica contemporanea. Pianoforti smembrati che suonano da soli accanto a vasche fumanti, un magazzino di sogni al museo, un percorso musicale sulle rive del fiume: entrate in un universo sorprendente ed onirico...

Può parlarci della Biennale «Musiques en Scène»?

Da 22 anni, la biennale riunisce diverse istituzioni lionesi intorno alla musica contemporanea (MAC, Teatro dell'Opera, TNP, Teatro dei Célestins, Auditorium, Museo Gadagne...).

Grame, la nostra struttura di creazione e di diffusione di musica contemporanea, organizza questo evento per invitare artisti di fama mondiale, creare opere con artisti lionesi provenienti da diversi orizzonti e far conoscere questa musica al grande pubblico.

Quest'anno abbiamo lavorato su un programma sul tema della nuvola, nel senso del cloud computing, della messa in rete.

Come definirebbe la musica contemporanea? 

È un po' la musica classica di oggi. È scritta da compositori con formazione classica che lavorano su sonorità inedite, originali, mescolando musica classica ed elettronica. È spesso associata ad altre arti, come la danza e il teatro: è proprio questo che vogliamo far scoprire con il nostro programma.

Come l'arte contemporanea, la musica contemporanea può sembrare bizzarra ma suscita curiosità e fa nascere emozioni particolari.

Quali sono i grandi appuntamenti dell'edizione 2014? 

Abbiamo invitato Heiner Goebbels, star internazionale, per la più grande retrospettiva della sua opera mai organizzata. Tra le sue composizioni, segnate da poesia, originalità e commistione di generi, potrete vedere Stifters Dinge  al TNP : un enorme automa lungo 20 metri costituito da 5 pianoforti smembrati, un albero e diverse vasche.

Potrete andare a depositare i vostri sogni al Museo Gadagne per ispirare un'opera collettiva tra due flautisti che creeranno un pezzo live tra Lione e New York.

Organizziamo anche una giornata Cumulus, una grande parata artistica sulle rive della Saona aperta a tutti.

Proponiamo molti altri appuntamenti per invitare il pubblico a sognare ma anche a riflettere. 

Il posto migliore per: 

Assaggiare una andouillette e una quenelle: 
Al Garet nel 1° arrondissement, sia per l'atmosfera che per l'eccellente qualità dei prodotti.

Fare una passeggiata romantica:
Nel parco della Villa Gillet alla Croix-Rousse, un posto molto romantico.

Incontrare dei «veri» Lionesi: 
Al MAC , perché è un museo in cui i Lionesi sono molto presenti.

Divertirsi: 
Ai Docks 40 , per scoprire il nuovo quartiere della Confluence.

Comprare un souvenir di Lione: 
Alle Halles Paul Bocuse , per portare a casa il buon cibo lionese!

Lascia un commento

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

Prenotazione

Powered by Logo pilgo

In questo articolo

Lyon City Card Il pass turistico e culturale per profiottare al massimo del tuo soggiorno a Lione!