Only Lyon - Tourism and Conventions

Festival Mémoires © Opéra de Lyon
Le Couronnement de Poppée - Studio de l'Opéra de Lyon

Festival Mémoires

Dal 7 marzo al 5 aprile 2017, al Teatro dell’Opera di Lione e al TNP di Villeurbanne

L’opera, così come il teatro, è l’arte dell’istante e dell’effimero, che ci fa “amare ciò che mai si vedrà due volte”, ma le cui emozioni rimangono impresse nella memoria.
Questo è il tema che il Teatro dell’Opera di Lione ha scelto per il suo festival annuale. Per l’occasione, ci invita a rivedere 3 spettacoli che hanno segnato gli ultimi decenni, ideati da 3 artisti tedeschi che oggi non sono più tra noi.

Elektra di Richard Strauss, nella versione realizzata a Dresda nel 1986 da Ruth Berghaus (1927-1996), vede l’orchestra sul palco, rendendola uno dei protagonisti dell’opera. I cantanti sono disposti su una scenografia scoscesa, come sul bordo di un dirupo… Una tragedia della maledizione degli Atridi, intrisa di violenza, tradimento e vendetta, in cui Elettra è interpretata da Elena Pankratova.

Tristano e Isotta di Richard Wagner, nella versione di Heiner Müller rappresentata a Bayreuth nel 1993, monumentale e rigorosa. Ann Petersen nel ruolo di Isotta e il tenore Daniel Kirch nel ruolo di Tristano. La storia di un amore ardente e impossibile. Si raggiunge il sublime.

L’Incoronazione di Poppea è l’immersione nell’universo barocco di Monteverdi, con i giovani cantanti dello Studio de l’Opéra di Lione. Tutta la passione di Nerone per la bella e ambiziosa Poppea, costellata di tradimenti, omicidi ed esilio, costituisce lo scenario dell’opera, una delle prime. È la versione diretta da Klaus Michael Grüber nel 2000, la cui rappresentazione ricorda gli antichi affreschi.

Per ulteriori informazioni: www.opera-lyon.com

Lascia un commento

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

Prenotazione

Più criteri

In questo articolo

Lyon City Card Con la Lyon City Card potete ottenere tariffe ridotte per il Teatro dell’Opera e il TNP